Accessibilità

Il sito è stato costruito seguendo per quanto possibile i canoni dell'accessibilità in conformità con la Legge Stanca e le linee guida del WAI (Web Accessibilty Initiative). Bisogna ricordare che queste normative più che delle leggi ferree sono delle lingue guida che vanno applicate a un progetto web.

In fase di progettazione abbiamo dovuto tener conto principalmente di tre necessità da risolvere:

  • le necessità standard di un sito accessibile
  • il sito andava costruito con un CMS (Content Management System, sistema di gestione dei contenuti)
  • il sito contiene molte mappe, per le quali non c'è una soluzione attualmente soddisfacente al 100%

Necessità standard di un sito accessibile

Questa parte è stata già affrontata in passato da Hurrah, l'azienda che ha sviluppato il progetto. Non ci sono problematiche particolarmente difficili ma solo una serie di attenzioni e presupposti su cui è costruito il sito web:

  • layout fluido
  • versione negativa del layout
  • possibilità di ingrandire o rimpicciolire il testo senza alterare il layout del sito
  • caratteri in em
  • scorciatoie per lettori braille per passare direttamente al contenuto principale di una pagina o ai diversi menu
  • descrizioni alternative per immagini e altri contenuti non in formato testo
  • intestazioni tabelle, usate solo se veramente necessario

Il sistema di gestione dei contenuti

Viste le richieste e le funzionalità necessarie, la scelta è caduta su Joomla, un CMS open source che ha una base di sviluppatori e utilizzatori molto ampia. Poi abbiamo sviluppato i css (fogli di stile) a partire dal template Beez, modificandolo pur mantenendo l'accessibilità che lo caratterizza.

I contenuti sono stati inseriti seguendo le linee guida dell'accessibilità. Sarà in futuro cura degli operatori di Area Blu inserire contenuti in forma accessibile.

Le mappe e altri elementi non accessibili

Il sito contiene un discreto numero di mappe per parcheggi, aree della città, zone a traffico limitato, ecc.. Alcune sono statiche, in genere jpg per cui viene fornito un testo alternativo, mentre era richiesto l'uso di mappe dinamiche dove l'utente potesse interagire.

Allo stato attuale dell'arte non esiste un sistema ideale per gestire questo tipo di mappe in maniera accessibile, a maggior ragione se si usano mappe interattive come le Google Maps. Altre tecnologie come Adobe Flash non offrono strumenti migliori in questo caso. Alla fine abbiamo optato per utilizzare Google Maps con mappe personalizzate offrendo un testo alternativo che per forza di cose non può descrivere nei dettagli la mappa. Queste mappe vengono mostrate dentro a un iframe, fanno un largo utilizzo di ajax e non sono accessibili. La descrizione alternativa la abbiamo inserita come descrizione dell'iframe. Per le mappe dei parcheggi.

Per alcune mappe è disponbile una versione pdf creata con Adobe Illustrator.

Nel sito sono presenti pochi altri elementi non accessibili, ad esempio il banner con slideshow di foto che è presente nella Home Page: lo slideshow è realizzato con un componente che sfrutta Adobe Flash. Anche qui l'unica soluzione possibile è stata fornire una descrizione alternativa.

Massimo Bosi
Hurrah